Il declassamento? Sì, andare indietro nel tempo è possibile.

Io sono a casa in maternità, torno il 5 novembre (il mio bimbo è nato a giugno, NON l’anno prima! NON 10 mesi prima, 4 mesi prima. Mi è stato chiesto di tornare ed io lo sforzo l’ho fatto, maledetta me), e mi viene presentata la mia sostituta, assunta a tempo indeterminato. NON con contratto di sostituzione maternità. Le volontà aziendali sono ben chiare, no?

Visto che c’è lei, ora, mi dice la titolare, mi “sposterà” a fare delle cose un po’ diverse da prima, e visto che non avrò più le stesse responsabilità, propone una variazione di livello: dal 2° al 3°. Quindi un ritorno indietro, come i gamberi!

Io rimango basita, la signora mi dice di preparare due righe per confermare che accetto; io rispondo che non so cosa scrivere e le dico che se questa è la loro intenzione, la lettera me la preparino pure loro, quasi convinta che non lo faranno. Illusa… La lettera invece arriva, ce l’ho ancora in originale, solo timbrata, non firmata da loro, MAI firmata da me. Ci ho versato sopra tante lacrime. Risulterà un po’ stropicciata adesso…

Nel punto vendita aziendale, la titolare qualche giorno dopo mi chiede esplicitamente in presenza di una collega se ho firmato la lettera. Le rispondo che io non firmo cose illegali. Conservo la lettera, che naturalmente riporta in modo del tutto improprio “diamo seguito agli accordi intercorsi per confermarle la sua presenza alle nostre dipendenze con il nuovo 3° livello. Per integrale accettazione”. Una serie di termini ingannevoli appositamente usati: accordi intercorsi? Confermarle? Nuovo 3° livello??? Io ho il secondo da anni! Integrale accettazione? E se fosse parziale?

Le parole non hanno più un significato preciso in questo mondo?

Completamente frastornata, sto allattando il bimbo, non dormo per settimane e devo pure, oltre al lavoro, informarmi sul da farsi presso alcuni avvocati di zona e presso il locale sindacato CGIL che, a mo’ di pacca sulla spalla, mi dice: “signora non firmi, tenga duro e stringa i denti”.

È quello che devo fare: ho un mutuo da pagare, e non posso permettermi (purtroppo) la facoltativa al 30%, anche se, col senno di poi, l’avrei fatta eccome. Vedremo perché.

Quindi, nel frattempo, per novembre – dicembre 2012, faccio telefonate ai clienti privati per vendere le confezioni natalizie. E contribuisco a costruire un certo fatturato!

Da ufficio stampa a telefonista il passo è breve: provare per credere. Dal 2° al 3° livello è un attimo: basta siglare con la propria firma e il gioco è fatto.

NON fatelo, NON firmate ma niente. Portate a casa tutto, parlatene con chi ne sa più di voi. NON fatevi intimidire. NON cedete ai ricatti. NON. E basta.

clock-439147_1280
Il declassamento? Sì, andare indietro nel tempo è possibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: